CLASSIFICAZIONE DELLE ROCCE METAMORFICHE PDF

nella roccia si accordano con uno dei nomi specifici. (vedi il glossario 3a) Flowchart per la classificazione delle rocce metamorfiche (SCMR ). La parte . La vesuvianite o vesuviana o idocrasio è un minerale, un sorosilicato che cristallizza in rocce metamorfiche ricche di Vesuvianite. Vesuvianite-veb. jpg. Classificazione Strunz, 9. . Minerali del gruppo della vesuvianite · fluorvesuvianite. In particolare, le peculiarità dei quattro pannelli con animali del Blocco D, appena esposto ha reso necessaria una classificazione dei materiali costitutivi delle frammenti ceramici frantumati, frammenti di rocce metamorfiche e granitiche e.

Author: Kajim Daimi
Country: Armenia
Language: English (Spanish)
Genre: Marketing
Published (Last): 18 October 2004
Pages: 321
PDF File Size: 8.35 Mb
ePub File Size: 6.63 Mb
ISBN: 377-3-77485-486-2
Downloads: 24258
Price: Free* [*Free Regsitration Required]
Uploader: Taujar

Pirosseno Hdgranato Andepidoto, magnetite.

Skarn – Wikipedia

I patterns di zonazione minerale di ogni stadio successivo comunemente tagliano obliquamente i precedenti patterns come conseguenza di mutevoli condotti idrotermali durante l’evoluzione strutturale. Granato AndPirosseno diopsidico Hdwollastonite. Little Cottonwood Canyon, Utah. Rocce metamorfiche Petrologia Processi geologici.

Molti di questi skarn sono anche arricchiti in cobalto, nichel, cromo e oro. Menu di navigazione Strumenti personali Accesso non effettuato discussioni contributi registrati entra. Nell’insieme questi aspetti riflettono la primitiva natura oceanica della crosta, la tipologia delle rocce incassanti e dei plutoni.

Skarn calcico a granato-hedenbergite di alterazione post-skarn con galena e calcite. Quando gli skarn contengono minerali di importanza economica si parla semplicemente di Depositi di skarn. Il Ca-Mn clinopirosseno johannsenite come pure i Ca-Mn pirossenoidi [4] sono caratteristici della facies a manganese degli skarn calcici.

I depositi di skarn calcici a Fe-Cu sono virtualmente gli unici skarn affioranti in terreni di archi insulari oceanici.

Gli skarn sono rocce a grana normalmente grossa, struttura isotropa e tessitura granoblastica-lepidoblastica o granofelsica. Si definiscono skarnoidi i prodotti del metamorfismo di litologie impure, con un certo trasferimento di massa causato dal movimento di fluidi a piccola scala.

  GEOMETRIE NON EUCLIDEE PDF

Vesuvianite

I depositi di skarn sono classificati sulla base del metallo dominante. Generalmente per i minerali metallici si preferisce esprimere il tenore in metallo. Gli skarn associati sono ricchi di metamorfihe o fluoro, sebbene sia normalmente presente uno stuolo di altri elementi che possono essere di importanza economica. I patterns di zonatura prograda degli skarn sono interpretati come risultato del metasomatismo di infiltrazione, con un ruolo minore giocato dalla diffusione nei fluidi intergranulari.

Sono formati principalmente da silicati di calcio – magnesio – ferro – manganese a grana grossa, anidri o poveri in acqua come ossidrile. Skarn a ferropargasite e magnetite, Sassi Neri, Isola d’Elba.

Si possono considerare una via di mezzo tra una classificaione a grana fine e uno skarn a grana grossa. La formazione di paragenesi a hedenbergite e johannsenite con associazioni a quarzo e metamorficche come pure ad anfiboli si imposta durante le alterazioni post-skarn insieme alla o dopo la rottura dei minerali dello skarn.

Repubblic di Buryatia, Transbaikalia,Siberia orientale. I principali processi che producono skarn includono la ricristallizzazione metamorfica isochimica [7] di rocce carbonatiche impure, le reazioni bimetasomatiche tra differenti litologie sostituzione di entrambe le rocce a contatto, a mdtamorfiche di una diffusione nelle due direzioni di componenti diversi attraverso il contatto e il metasomatismo infiltrazionale, che coinvolge fluidi deelle di coassificazione prevalentemente magmatica, ma anche metamorfici, meteorici o di origine marina.

Archi insulari oceanici; margini continentali con rift. Tutti o quasi tutti gli skarn calcici appartengono allo stadio postmagmatico. Il pattern tipico di zonazione colonna metasomatica comprende le seguenti paragenesi [2]: La tabella 1 al fondo del paragrafo indica non solo i metalli indicizzanti i diversi depositi, ma classificazine le rocce ignee associate, l’ambiente tettonico, e la mineralogia dei silicati e dei minerali metallici degli mteamorfiche per ciascun tipo.

  CHIMPANZEE POLITICS BY FRANS DE WAAL PDF

Le facies degli skarn calcici di alta temperatura sono sottolineate dalla comparsa di zone contenenti silicati ricchi di calcio come melilite gehlenitica, melilite, tilleyitespurrite, rankinitekilchoanite e merwinite. Altri progetti Wikimedia Commons. Il termine skarn deriva da una antica parola utilizzata dai minatori svedesi per indicare il materiale di scarto gangaricco in silicati, che veniva estratto assieme ai minerali da cui si ricavavano i metalli e che apparentemente tendeva a sostituire i calcari nel distretto minerario di Persberg [1].

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

ROCCE METAMORFICHE by elena risi on Prezi

Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. Possono sostituire precedenti skarn magnesiaci in condizioni subvulcaniche o ipoabissali. In altri progetti Wikimedia Commons. Queste facies si sviluppano al contatto di rocce silicatiche con carbonati manganesiferi.

Gli skarn sono rocce metasomatiche che si formano a contatto tra una roccia silicatica o un fuso magmatico e una roccia carbonatica. I fluidi idrotermali magmatici che sono stati trasportati o creati dall’intrusione interagiscono con questo materiale carbonatico e formano l’endoskarn. Pirosseno HdJogranato Andvesuvianite, wollastonite.

Queste rocce metasomatiche sembrano essersi formate in uno stadio postmagmatico e a basse temperature. Visite Leggi Modifica Modifica wikitesto Cronologia. Questa suite evoluta comprende tungsteno, berillio, boro, litio, bismuto, zinco, piombo, uranio, fluoro ed elementi delle Terre rare.

Dettagliati studi sul campo e analitico-petrografici, combinati con studi sulle inclusioni fluide e sugli isotopi stabili, hanno fornito stime sulle condizioni di pressione, temperatura e concentrazione dei fluidi durante l’evoluzione dello skarn.